misurazione pressione arteriosa sfigmomanometro

Come si usa lo sfigmomanometro e perchè è importante monitorare la pressione sanguigna?

Posted by

Al giorno d’oggi la misurazione della pressione sanguigna rientra tra i vari controlli che possono essere fatti a casa in autonomia.
La disposizione sul mercato di numerosi modelli di sfigmomanometri consente di avere un monitoraggio costante sulla propria situazione.

Se si accusano spesso sintomi come mal di testa, palpitazioni, vertigini, ronzii alle orecchie o disturbi visivi, misurare almeno quotidianamente la propria pressione può essere un’ottima pratica, rivolgendosi ovviamente al medico in caso di valori fuori dagli standard.

La pressione sanguigna

La pressione che viene misurata è quella arteriosa, vale a dire la forza esercitata dal sangue lungo le arterie durante la sua circolazione.

La pressione viene indicata da due numeri, misurati in mmHg, cioè millimetri di mercurio.
Questi due numeri sono collegati a fasi ben precise del ventricolo: quando il ventricolo sinistro è in contrazione avviene la sistole, mentre quando avviene il suo rilassamento si ha la diastole.

Durante la sistole il cuore pompa il sangue molto velocemente e a questa fase corrisponde la pressione più alta, detta massima.
Se il valore riscontrato in questa fase è elevato, le cause possono essere ricondotte ad un restringimento delle arterie o ad una loro perdita di elasticità.

Nel secondo movimento, diastole, il cuore si riempie nuovamente di sangue e quindi le arterie si svuotano.
Se le arterie fanno resistenza, la pressione diminuisce più lentamente e quindi la pressione minima, corrispondente a questa fase, sarà più alta dei valori attesi.

La pressione sanguigna è determinata da vari fattori, che possono influenzarla anche più volte nel corso della giornata:

  • La portata di sangue che il cuore riesce a mettere in circolo
  • La densità del sangue
  • La resistenza che il sangue incontra
  • La contrazione del cuore
  • Avere effettuato o meno sforzi fisici

Perchè è importante controllare la pressione sanguigna

Problematiche legate alla pressione possono portare a conseguenze anche molto serie.

La pressione bassa non consente al sangue di raggiungere i tessuti, soprattutto quelli periferici.
Questo comporta sintomi come debolezza muscolare, vista offuscata e vertigini.

La pressione alta causa invece una forza eccessiva del sangue sulle arterie, con conseguenze anche gravi come ad esempio la rottura dei vasi sanguigni e conseguenti emorragie. Oltre ciò, in caso di pressione alta il rischio d’infarto è più elevato.

La pressione sanguigna tende ad avere delle variazioni durante il corso della giornata, dunque è sempre consigliabile effettuare la sua misurazione regolarmente alla stessa ora.

Lo sfigmomanometro

Lo strumento necessario per misurare la pressione sanguigna è lo sfigmomanometro.

In commercio se ne possono trovare di vari modelli, ma sostanzialmente la principale differenza è tra quelli elettronici e quelli aneroidi.

Lo sfigmomanometro elettronico è composto da un morbido bracciale, richiudibile per mezzo di velcro, collegato ad una macchinetta.
Per posizionare correttamente il bracciale è sempre bene attenersi esattamente alle istruzioni per il particolare tipo di modello in uso.
Una volta acceso il dispositivo, si sentirà chiaramente gonfiare la fascia, ma non bisogna spaventarsi se si sentirà stringere molto, perchè ciò è necessario affinchè i sensori possano rilevare i corretti parametri.

Lo sfigmomanometro aneroide vede una fascia molto simile al modello elettrico, ma il gonfiaggio di questa avviene per mezzo di un manometro con ago.
Solitamente questa tipologia di strumento è collegato ad un fonedoscopio che viene posizionato nella fascia per consentire di auscultare il battito cardiaco. In realzione ai dati indicati sul manometro si definisce la pressione massima e quella minima.

Perchè è importante un monitoraggio costante della pressione sanguigna con lo sfigmomanometro
L’avanzare dell’età, una scorretta alimentazione, la familiarità a problemi di pressione possono essere fattori di rischio molto importanti.

La pressione alta non è mai da sottovalutare e dunque diventa chiaro perchè sia indispensabile riuscire ad averne un monitoraggio regolare anche in autonomia da casa.

Se il medico ha prescritto dei farmaci per tenere sotto controllo la pressione, un regolare controllo potrà mostrare la reale efficacia della cura.
Un giramento di testa, un senso di malessere o qualsiasi altro sintomo può essere ricondotto alle corrette cause grazie all’uso di uno sfigmomanometro. In queasto modo sarà anche possibile trovare rapidamente una soluzione funzionale.

Ormai in commercio esistono numerose tipologie di questo strumento ed un investimento in questo senso sarà certamente un grande guadagno per la propria salute.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *